CHI SIAMO

1

IL PROGETTO

I TRE ELEMENTI La necessità di conoscenza dei vari aspetti utili ed indispensabili per la formazione di validi insegnanti, ha portato all’approfondimento di aspetti considerati fino ad allora marginali. Tre gli elementi indispensabili ad un’armonica ed equilibrata crescita dell’allievo-atleta: l’aspetto fisico, inteso come preparazione e prestazione atletica. L’aspetto Tecnico Tattico, come conoscenza del gesto atletico e padronanza degli schemi di gioco dello sport specifico. L’aspetto mentale e psicologico, importantissimo per gestire in modo positivo le emozioni ed i comportamenti.    Una prestazione è ottimale quando tutti questi tre elementi sono in perfetto equilibrio ed in sintonia tra di loro. La mancanza o la carenza di uno di questi elementi ridurrà di molto la qualità del risultato se non addirittura annullarlo. Ma ovviamente non parliamo solo dell’aspetto atletico, l’esperienza sportiva non è disgiunta dal quotidiano e l’atleta è, prima di tutto, una persona che si confronta ogni giorno con la realtà che lo circonda in una gara continua, dove le regole e le prestazioni richieste sono certamente diverse e per certi aspetti superiori e ben più complicate del momento sportivo. I muscoli si muovono seguendo precisi schemi collaudati, appresi nelle prima infanzia, perfezionati e immagazzinati fino a diventare dei gesti automatici, inconsapevoli il più delle volte, come camminare, salire le scale, guidare la macchina, afferrare un bicchiere, scrivere, ecc.      Se l’aspetto fisico è determinato da precisi meccanismi e schemi, anche il comportamento, suggerito nella prima fase dai nostri educatori (genitori, insegnanti.. . ..), sarà determinato dalle indicazioni di tutte queste figure che via via si susseguono, si fisseranno così i valori e gli ideali di riferimento ai quali noi ci rivolgiamo ogni volta che dobbiamo prendere una qualsiasi decisione o esprimere un parere.    Questi schemi di comportamento diventano abitudine, come gli schemi di movimento fisici, ci vestono come un abito con il quale conviviamo fino a riconoscerci con gli stessi schemi e abitudini che diventano la realtà con la quale ci identifichiamo, sono le nostre caratteristiche personali, sono quelle che comunemente chiamiamo il nostro ‘’carattere’’.

L’ASSOCIAZIONE

1984 - LA STORIA  ‘’Progetto Jonathan’’ è nato nel 1984 in ambito sportivo Yoseikan  con l’intento di dare agli istruttori ed insegnanti tecnici di arti marziali una adeguata preparazione e conoscenza completa dei meccanismi psicofisici. Per  l’importanza dei contenuti  e delle tecniche proposte, ha successivamente avuto una sempre più vasta partecipazione anche tra le persone non appartenenti necessariamente al mondo dello sport. Da questa nuova esigenza è nata l’Associazione ‘’Jonathan Project’’ con il preciso scopo di dare una splendida opportunità a tutti coloro che vogliono arricchirsi  di una esperienza unica. Per noi, la grande soddisfazione di poter condividere le nostre esperienze insieme ad altre persone ‘’positivamente curiose’’ ed impazienti di aumentare la propria consapevolezza.  ‘’Progetto Jonathan’’ è una proposta aperta a tutti coloro i quali vogliono conoscere meglio se stessi, le proprie capacità e le proprie potenzialità. Tutto questo attraverso semplici tecniche corporee di rilassamento, massaggio, respirazione, ginnastiche bioenergetiche ed altro, senza alcuna distinzione di sesso, età, attività lavorativa o impegno sportivo. Il programma propone inoltre una serie di esperienze condotte da preparati istruttori, basate su tecniche di comunicazione verbale e non verbale, linguaggio del corpo tecniche di grounding, analisi transazionale, P.N.L. ed affinamento alla percezione dei propri desideri e mete, con relative modalità di raggiungimento.  Le tecniche vengono proposte in modo collettivo e le sensazioni personali sono autogestite senza alcun intervento esterno. L’espressione e la libera spontaneità di ogni partecipante vengono rispettate in quanto esseri unici e irripetibili, per cui indicazioni  ed intuizioni individuali, che eventualmente scaturiscono durante lo svolgimento del corso , oltre ad aumentare il bagaglio di conoscenza personale, restano estremamente personali e private. ‘’Progetto Jonathan’’ è una proposta nuova per individui sani, interessati a conoscersi meglio,  per vivere sempre più in armonia con sé stessi  e con gli altri.

L’ISPIRAZIONE

LA NOSTRA IDEA (ISPIRATA DAL LIBRO «IL GABBIANO JONATHAN LIVINGTON» DI R. BACH Il gabbiano Jonathan Livingston non è un gabbiano come tutti gli altri. E’ un gabbiano che scopre la bellezza di librarsi nel cielo, che cerca la perfezione nel volo perché crede che il volo stesso abbia una sua insita bellezza. Non vuole più seguire la massa, rifiuta la vita dello stormo, non vuole volare solo alla ricerca di cibo, ma aspira ad un ideale diverso, ad un ideale di libertà, di spazi e cieli azzurri, di calore e luce, di soffio di vento e mare spumeggiante. Dal racconto emerge il desiderio di lottare e di distinguersi, di ottenere quello in cui crede anche a costo di non essere compreso dalla propria famiglia e dai propri simili, di essere etichettato come scomodo e ribelle.   Atteggiamenti che potrebbero essere quelli di un uomo anticonformista, un uomo che cerca di raggiungere i propri traguardi, la propria forma di successo anche quando non rappresenta quanto la società si attende da lui.   Diventa così il simbolo di chi ha il coraggio di seguire la propria legge interiore e non si lascia influenzare dai pregiudizi degli altri.   E’ una metafora che riflette la condizione umana troppo spesso costretta in schemi e ruoli ingessati che non lascia spazio alla fantasia, alle aspirazioni e ai sogni. Bach, che oltre ad essere scrittore è anche pilota, riesce ad affascinare con una storia semplice dal clima narrativo insolito e a trasmettere emozioni e desiderio di avventura. E’ forse un invito a non perdersi d’animo, a seguire la propria natura e a non smettere mai di osare.
L’EVOLUZIONE Silvano Tomba Ma, non sempre, questo bagaglio ‘’caratteriale’’ è al passo con i tempi, molte volte gli schemi ed i comportamenti sono a dir poco inadeguati per affrontare la realtà in modo soddisfacente. Molte volte il nostro essere ci comunica questa inadeguatezza con disagi, incertezze; vorremmo fare o comportarci in modo diverso, ma le abitudini e gli schemi abituali fungono da freno inibitore. E come per l’atleta che impara e costruisce un nuovo gesto atletico che gli permetterà di ‘’saltare’’ l’ostacolo posto più in alto, anche per noi è importante imparare a costruire o meglio ‘’sostituire’’ i vecchi schemi e abitudini con nuovi e più adeguati, più idonei ad interpretare la nostra realtà interiore in continuo movimento, confrontandola con la realtà esteriore e mettendola in equilibrio e in sintonia. Cosa certamente non facile. E’ un allenamento, ma bisogna farlo conoscendo e rispettando questi meccanismi, che funzionano nonostante noi.    ‘’Jonathan’’ è una palestra dove ognuno ha la possibilità di fare un viaggio, iniziando dentro sé stesso, imparando a conoscersi ed accettarsi, poi rivolgendosi verso l’esterno e imparando a comunicare. Penso che ognuno possa essere medico e psicologo di sé stesso, nessuno può farlo meglio di noi, anche se la società ci ha abituati a chiedere di risolvere i nostri guai, i nostri piccoli o grandi problemi agli altri, ai cosiddetti esperti. Proviamo ad assumerci la responsabilità di prendere in mano il volante della nostra vita, sicuramente ci saranno errori ma potremo sempre rientrare, cambiare fino a trovare l’equilibrio, la sintonia e la felicità. Dopotutto ricordiamoci si tratta della ‘’nostra’’ vita.    E come il gabbiano ‘’Jonathan Livingston’’, nel libro di Richard Bach, cerchiamo anche noi di superare i nostri limiti, o meglio quelli che pensiamo siano i nostri limiti, e volare sempre più in alto fino a che i problemi e le difficoltà quotidiane, dall’alto, sembreranno piccole cose insignificanti, minuscole come formiche.

CORSI E SEMINARI

2
3
NAVIGAZIONE
SOCIAL
INDIRIZZO Jonathan Project a.s.d. Via Baldasseria Bassa, 225 33100 - UDINE
CONTATTO email: info@jonathan-project.it
Jonathan Project a.s.d. Libertas  -  C.F. 94145630300
     +393476732153
© Jonathan Project 2018
©  2018  -  Jonathan Project a.s.d. Libertas  -  C.F. 94145630300
L’EVOLUZIONE Silvano Tomba Ma, non sempre, questo bagaglio ‘’caratteriale’’ è al passo con i tempi, molte volte gli schemi ed i comportamenti sono a dir poco inadeguati per affrontare la realtà in modo soddisfacente. Molte volte il nostro essere ci comunica questa inadeguatezza con disagi, incertezze; vorremmo fare o comportarci in modo diverso, ma le abitudini e gli schemi abituali fungono da freno inibitore. E come per l’atleta che impara e costruisce un nuovo gesto atletico che gli permetterà di ‘’saltare’’ l’ostacolo posto più in alto, anche per noi è importante imparare a costruire o meglio ‘’sostituire’’ i vecchi schemi e abitudini con nuovi e più adeguati, più idonei ad interpretare la nostra realtà interiore in continuo movimento, confrontandola con la realtà esteriore e mettendola in equilibrio e in sintonia. Cosa certamente non facile. E’ un allenamento, ma bisogna farlo conoscendo e rispettando questi meccanismi, che funzionano nonostante noi.    ‘’Jonathan’’ è una palestra dove ognuno ha la possibilità di fare un viaggio, iniziando dentro sé stesso, imparando a conoscersi ed accettarsi, poi rivolgendosi verso l’esterno e imparando a comunicare. Penso che ognuno possa essere medico e psicologo di sé stesso, nessuno può farlo meglio di noi, anche se la società ci ha abituati a chiedere di risolvere i nostri guai, i nostri piccoli o grandi problemi agli altri, ai cosiddetti esperti. Proviamo ad assumerci la responsabilità di prendere in mano il volante della nostra vita, sicuramente ci saranno errori ma potremo sempre rientrare, cambiare fino a trovare l’equilibrio, la sintonia e la felicità. Dopotutto ricordiamoci si tratta della ‘’nostra’’ vita.    E come il gabbiano ‘’Jonathan Livingston’’, nel libro di Richard Bach, cerchiamo anche noi di superare i nostri limiti, o meglio quelli che pensiamo siano i nostri limiti, e volare sempre più in alto fino a che i problemi e le difficoltà quotidiane, dall’alto, sembreranno piccole cose insignificanti, minuscole come formiche.

L’ISPIRAZIONE

LA NOSTRA IDEA (ISPIRATA DAL LIBRO «IL GABBIANO JONATHAN LIVINGTON» DI R. BACH Il gabbiano Jonathan Livingston non è un gabbiano come tutti gli altri. E’ un gabbiano che scopre la bellezza di librarsi nel cielo, che cerca la perfezione nel volo perché crede che il volo stesso abbia una sua insita bellezza. Non vuole più seguire la massa, rifiuta la vita dello stormo, non vuole volare solo alla ricerca di cibo, ma aspira ad un ideale diverso, ad un ideale di libertà, di spazi e cieli azzurri, di calore e luce, di soffio di vento e mare spumeggiante. Dal racconto emerge il desiderio di lottare e di distinguersi, di ottenere quello in cui crede anche a costo di non essere compreso dalla propria famiglia e dai propri simili, di essere etichettato come scomodo e ribelle.   Atteggiamenti che potrebbero essere quelli di un uomo anticonformista, un uomo che cerca di raggiungere i propri traguardi, la propria forma di successo anche quando non rappresenta quanto la società si attende da lui.   Diventa così il simbolo di chi ha il coraggio di seguire la propria legge interiore e non si lascia influenzare dai pregiudizi degli altri.   E’ una metafora che riflette la condizione umana troppo spesso costretta in schemi e ruoli ingessati che non lascia spazio alla fantasia, alle aspirazioni e ai sogni. Bach, che oltre ad essere scrittore è anche pilota, riesce ad affascinare con una storia semplice dal clima narrativo insolito e a trasmettere emozioni e desiderio di avventura. E’ forse un invito a non perdersi d’animo, a seguire la propria natura e a non smettere mai di osare.

IL PROGETTO

I TRE ELEMENTI La necessità di conoscenza dei vari aspetti utili ed indispensabili per la formazione di validi insegnanti, ha portato all’approfondimento di aspetti considerati fino ad allora marginali. Tre gli elementi indispensabili ad un’armonica ed equilibrata crescita dell’allievo-atleta: l’aspetto fisico, inteso come preparazione e prestazione atletica. L’aspetto Tecnico Tattico, come conoscenza del gesto atletico e padronanza degli schemi di gioco dello sport specifico. L’aspetto mentale e psicologico, importantissimo per gestire in modo positivo le emozioni ed i comportamenti.    Una prestazione è ottimale quando tutti questi tre elementi sono in perfetto equilibrio ed in sintonia tra di loro. La mancanza o la carenza di uno di questi elementi ridurrà di molto la qualità del risultato se non addirittura annullarlo. Ma ovviamente non parliamo solo dell’aspetto atletico, l’esperienza sportiva non è disgiunta dal quotidiano e l’atleta è, prima di tutto, una persona che si confronta ogni giorno con la realtà che lo circonda in una gara continua, dove le regole e le prestazioni richieste sono certamente diverse e per certi aspetti superiori e ben più complicate del momento sportivo. I muscoli si muovono seguendo precisi schemi collaudati, appresi nelle prima infanzia, perfezionati e immagazzinati fino a diventare dei gesti automatici, inconsapevoli il più delle volte, come camminare, salire le scale, guidare la macchina, afferrare un bicchiere, scrivere, ecc.      Se l’aspetto fisico è determinato da precisi meccanismi e schemi, anche il comportamento, suggerito nella prima fase dai nostri educatori (genitori, insegnanti.. . ..), sarà determinato dalle indicazioni di tutte queste figure che via via si susseguono, si fisseranno così i valori e gli ideali di riferimento ai quali noi ci rivolgiamo ogni volta che dobbiamo prendere una qualsiasi decisione o esprimere un parere.    Questi schemi di comportamento diventano abitudine, come gli schemi di movimento fisici, ci vestono come un abito con il quale conviviamo fino a riconoscerci con gli stessi schemi e abitudini che diventano la realtà con la quale ci identifichiamo, sono le nostre caratteristiche personali, sono quelle che comunemente chiamiamo il nostro ‘’carattere’’.

L’ASSOCIAZIONE

1984 - LA STORIA  ‘’Progetto Jonathan’’ è nato nel 1984 in ambito sportivo Yoseikan  con l’intento di dare agli istruttori ed insegnanti tecnici di arti marziali una adeguata preparazione e conoscenza completa dei meccanismi psicofisici. Per  l’importanza dei contenuti  e delle tecniche proposte, ha successivamente avuto una sempre più vasta partecipazione anche tra le persone non appartenenti necessariamente al mondo dello sport. Da questa nuova esigenza è nata l’Associazione ‘’Jonathan Project’’ con il preciso scopo di dare una splendida opportunità a tutti coloro che vogliono arricchirsi  di una esperienza unica. Per noi, la grande soddisfazione di poter condividere le nostre esperienze insieme ad altre persone ‘’positivamente curiose’’ ed impazienti di aumentare la propria consapevolezza.  ‘’Progetto Jonathan’’ è una proposta aperta a tutti coloro i quali vogliono conoscere meglio se stessi, le proprie capacità e le proprie potenzialità. Tutto questo attraverso semplici tecniche corporee di rilassamento, massaggio, respirazione, ginnastiche bioenergetiche ed altro, senza alcuna distinzione di sesso, età, attività lavorativa o impegno sportivo. Il programma propone inoltre una serie di esperienze condotte da preparati istruttori, basate su tecniche di comunicazione verbale e non verbale, linguaggio del corpo tecniche di grounding, analisi transazionale, P.N.L. ed affinamento alla percezione dei propri desideri e mete, con relative modalità di raggiungimento.  Le tecniche vengono proposte in modo collettivo e le sensazioni personali sono autogestite senza alcun intervento esterno. L’espressione e la libera spontaneità di ogni partecipante vengono rispettate in quanto esseri unici e irripetibili, per cui indicazioni  ed intuizioni individuali, che eventualmente scaturiscono durante lo svolgimento del corso , oltre ad aumentare il bagaglio di conoscenza personale, restano estremamente personali e private. ‘’Progetto Jonathan’’ è una proposta nuova per individui sani, interessati a conoscersi meglio,  per vivere sempre più in armonia con sé stessi  e con gli altri.
Jonathan Project
1
3
2

CHI SIAMO

CORSI E SEMINARI

SOCIAL
NAVIGAZIONE
INDIRIZZO Jonathan Project a.s.d. Via Baldasseria Bassa, 225 33100 - UDINE
CONTATTO emails: info@jonathan-ptoject.it jonathanproject.asd@gmail.com
+39 3476732153
SOCIAL
NAVIGAZIONE
INDIRIZZO Jonathan Project a.s.d. Via Baldasseria Bassa, 225 33100 - UDINE
© 2018 - Jonathan Project a.s.d. Libertas  -  C.F. 94145630300  
CONTATTO emails: info@jonathan-ptoject.it jonathanproject.asd@gmail.com
SCOPRI DI PIU’ SCOPRI DI PIU’ SCOPRI DI PIU’ SCOPRI DI PIU’ SCOPRI DI PIU’
Jonathan Project 